Il mondo ideale? Esiste, basta volerlo!

La ricetta vincente? Sinergia, equità e l'uomo al centro della collettività!

Sezione:

Considerazioni

Immaginate un mondo in cui tutti lavoreremmo part-time, con uno stipendio migliore di quello di oggi e quindi con tanto tempo libero e soldi per i nostri hobby e le nostre esigenze. Potrete non crederci ma basterebbe cambiare modello politico.

In Italia si stima che siano circa 1.2 milioni gli italiani che vivono solo di politica, per un giro d'affari - dichiarato, ndr - di circa 25 miliardi di euro. Se consideriamo che gli occupati in italia sono circa 22.5 milioni, ci rendiamo conto che oltre il 5% degli italiani che guadagnano, lo fanno tramite la politica.

Eppure parlamentari, sindaci e consiglieri comunali, circoscrizionali, provinciali e regionali sono molto meno di 200.000. Lascio immaginare a voi il compito svolto dal restante milione di impiegati politici, a livello di partiti, di consulenze e di mansioni di vario genere.

Cosa cambierebbe con il Lavoro Sostenibile? Facciamo un breve calcolo!

Oggi lavorano, come detto, circa 22.5 milioni di italiani a cui vanno tolti il milione di impiegati politici, quindi abbiamo circa 21.5 milioni di italiani che lavorano. Se consideriamo una media di 40 ore di lavoro settimanale a testa - supponendo per comodità una compensazione alla pari tra straordinari e contratti a tempo ridotto - abbiamo un totale di 860 milioni di ore di lavoro settimanali da allocare. Se considerassimo di ottenere l'obiettivo della disoccupazione fisiologica - dovuta cioè a neolaureati, anni sabbatici e cambi di lavoro - al 3%, togliendo i già sovradimensionati 200.000 politici e considerando che la popolazione compresa tra i 23 e i 65 anni - considerando una politica che favorisca lo studio e il pensionamento al massimo a 65 anni di età - ammonta a circa 34 milioni di persone, se ridistribuissimo il lavoro avremmo una media lavorativa di poco superiore alle 26 ore a testa. Certo, qualcuno potrà obiettare che mancano i liberi professionisti ma cambierebbe poco se arrivassimo a 30 ore settimanali a testa, non credete?

Questo dovrebbe far riflettere principalmente su tre punti:
- Non c'è abbastanza lavoro per tutti, se consideriamo l'attuale modo di somministrare i contratti e la mole di lavoro chiesta a ciascuno
- Chi lavora fa una vita da schiavo quando potrebbe lavorare molto di meno e vivere in modo più decente e dignitoso
- Con il Lavoro Sostenibile e il salario minimo a 15€ l'ora, avremmo uno stipendio di circa 25.000€ per ogni italiano se tutti fossero al minimo salariale, cioè si avrebbe che ogni italiano prenderebbe più dell'attuale stipendio medio dei soli che lavorano!

Se poi consideriamo quanto costa oggi la politica, cioè intorno ai 1.000€ per contribuente, è facile immaginare quanto si potrebbe spendere ogni anno per migliorare i servizi senza alzare di un centesimo le tasse, se riuscissimo a liberarci dei lavoratori politici inutili. E, se ci pensate, non abbiamo nemmeno scomodato i soldi che si potrebbero risparmiare da tangenti, etc.

Questo è il progetto di Democrazia Aleatoria, un progetto che manda in cantina l'attuale politica dove anche chi dice di non prendere soldi pubblici spende milioni di euro l'anno per i gruppi di Camera e Senato. Questo è il progetto che rimette l'uomo e i suoi bisogno al centro della collettività. Questo è il progetto che vuole una società sostenibile, che fa della sostenibilità la sua missione etica e della Democrazia Aleatoria - ovvero il potere al popolo - il suo obiettivo.

Se siete interessati, contattatemi!